L'orribile segreto del cartello di Phoebus

Iniziamo il nostro racconto nel 1904, nel focolare di Livermore, Ohio. Un elettricista sta montando quella che diventerà la "lampadina del centenario" - prodotta dalla Shelby Electrics e brevettata dal francese Adolphe Chaillet. Questa lampadina brilla ancora oggi. Una luce che indicava un futuro luminoso, ma che sarebbe stata oscurata dagli eventi solo 20 anni dopo.

cartello-phoebus

L'orribile segreto del cartello di Phoebus

L'orribile segreto del cartello di Phoebus

 

Tutto è iniziato in modo così brillante. Ma non è forse un'ironica introduzione ad una storia di inganni, truffe e rapporti decisamente oscuri?

 

Iniziamo il nostro racconto nel 1904, nel focolare di Livermore, Ohio. Un elettricista sta montando quella che diventerà la "lampadina del centenario" - prodotta dalla Shelby Electrics e brevettata dal francese Adolphe Chaillet. Questa lampadina brilla ancora oggi. Una luce che indicava un futuro luminoso, ma che sarebbe stata oscurata dagli eventi solo 20 anni dopo.

"Adolphe Chaillet, inventore della "lampadina del centenario"

 

23 gennaio 1924 - Ginevra

23 gennaio 1924 - Ginevra

Mentre i funzionari comunali stanno sganciando le luci di fine anno dai lampioni della città, un gruppo di uomini d'affari, in agguato nell'ombra di una stanza sul retro, sta tramando il piano segreto che cambierà per sempre il pensiero industriale.

 

La loro idea diabolica? Unire le forze e creare il cartello Phoebus per prendere il controllo totale del mercato mondiale delle lampadine. E, paradossalmente, per oscurare il futuro del nostro pianeta. 

 

Membro del cartello n. 1: Anton Frederik Philips, co-fondatore di Royal Philips Electronics

 

Alimentato dal desiderio di massimizzare le vendite e di mettere i profitti al di sopra di ogni altra cosa, il Cartello, composto dai maggiori produttori di lampadine, ha deciso di imporre limiti alla durata di vita delle lampadine - riducendole a 1.000 ore, rispetto alle 1.500-2.000 ore precedenti.

Questa decisione rimarrà per sempre la prima implementazione a livello mondiale dell'obsolescenza pianificata.

 

Membro del cartello n. 2: Owen D. Young, Presidente della General Electric

 

Dal 1924 al 1939, i produttori di lampadine di tutto il mondo non hanno avuto altra scelta che limitare la durata dei loro prodotti, essendo costretti a inviare regolarmente campioni ai laboratori di prova di uno dei membri del cartello per l'ispezione e l'approvazione.

 

Membro del cartello n. 3: Franjo Hanaman , Co-fondatore di Tungsram

Se una singola lampadina del campione superava le 1.000 ore di vita, il suo produttore era costretto a pagare pesanti multe. Sembra troppo folle per essere vero? Ecco la fonte: https://spectrum.ieee.org/tech-history/dawn-of-electronics/the-great-lightbulb-conspiracy

 

Questo accordo monopolistico, originariamente destinato a durare 30 anni, è morto prematuramente con la dichiarazione della seconda guerra mondiale, i suoi vari membri appartenenti a nazioni nemiche.

 

Membro del cartello n. 4: William Meinhardt, CEO di OSRAM

Purtroppo, l'eredità del Phoebus è sopravvissuta e vive ancora oggi in tutti i settori dell'industria. Fare dell'obsolescenza pianificata un vero modello economico globale e una delle principali cause di sovrasfruttamento delle risorse naturali.

 

Tuttavia, consumando in modo più sostenibile (ad esempio scegliendo telefoni e tecnologia rinnovati), si può lottare contro lo spreco inutile, il profitto e l'obsolescenza pianificata, e far sì che il cartello Phoebus scorra nelle loro tombe.

 

Buon Halloween!

 

 

Di Simone, Marketing Manager Italia di Back Market

Marketing Manager di Back Market Italia da un po', Simone è appassionato di tecnologia, sport, vino e tutto ciò che stimola la sua curiosità. Il suo prodotto ricondizionato preferito? L'Apple Watch Series 3, da cui non si separa mai quando deve fare sport!

Hai trovato utile questo articolo?